L.R. 10/2013 – regolamentazione dei percorsi non abilitanti di responsabile tecnico per attività di panificazione


In data 16 aprile 2015, è stato pubblicato sul BURL – serie ordinaria n. 16 – il D.d.u.o. 13 aprile 2015 n. 2864 della D.G. Istruzione, formazione e lavoro, relativo alla “regolamentazione regionale dei percorsi non abilitanti di responsabile tecnico per attività di panificazione”, di cui al comma 4 dell’articolo 4 della legge regionale 13/2013.

La frequenza del corso riguarda i responsabili dell’attività produttiva che non siano in possesso dei requisiti previsti dal comma 5 dell’art. 4 della legge regionale 13/2013.

Il percorso formativo si articola in un minimo 40 ore di cui 20 di teoria e 20 di esercitazioni pratiche con esame finale, consistente in una prova pratica e in un colloquio orale finalizzato a verificare l’acquisizione della seguente competenza: “Effettuare la fermentazione e la formatura dell’impasto in base ai diversi tipi di prodotti da forno e la relativa cottura”.

I costi di iscrizione ai percorsi formativi sono a carico dei partecipanti.

Trattandosi di percorso formativo non abilitante, il decreto stabilisce che:

– tutti i responsabili tecnici dell’attività produttiva di panificazione già in essere e privi dei requisiti, devono adeguarsi all’obbligo formativo entro 12 mesi dalla data di pubblicazione   sul BURL del  provvedimento in oggetto.

– per i nuovi responsabili tecnici dell’attività produttiva di panificazione la data di dodici mesi decorre dalla data di avvio delle attività .

Con riferimento al comma 5 dell’articolo 4 della legge regionale 10/2013, il decreto indica i titoli di istruzione, di istruzione e formazione professionale e delle qualificazioni professionali  che, ferma restando l’esperienza lavorativa richiesta dal suddetto articolo, consentono il non assoggettamento al corso di formazione.

BURL 16 apr 15 formazione responsabile panificazione